La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.”

Il sostegno psicologico è un percorso non terapeutico, rivolto a persone che si trovano in un momento esistenziale di sofferenza e difficoltà, generato da situazioni di varia natura (affrontare una situazione critica, prendere una decisione, trovare una soluzione funzionale ai problemi incontrati, migliorare una relazione coniugale, familiare, affettiva, professionale o amicale);

L’obiettivo è quello di migliorare la qualità di vita e raggiungere uno stato di benessere, attingendo alle risorse e ai punti di forza del cliente, fornendo supporto rispetto alla gestione di un problema specifico (emotivo, relazionale, psicologico, affettivo).

Il sostegno psicologico richiede un numero contenuto di incontri che varia in base alle necessità.
A seconda della problematica, è possibile richiederlo:

  • individuale;
  • di coppia;
  • familiare;
  • di gruppo;
  • alla genitorialità.