Fenomenologico-esistenziale

Gestalt

Io sono io. Tu sei tu.
Io non sono al mondo per soddisfare le tue aspettative.
Tu non sei al mondo per soddisfare le mie aspettative.
Io faccio la mia cosa. Tu fai la tua cosa.
Se ci incontreremo sarà bellissimo;
altrimenti non ci sarà stato niente da fare.

Se ti assumi la responsabilità di quello che stai facendo,
del modo in cui produci la tua esistenza
– al momento stesso in cui entri in contatto con te stesso –
allora ha inizio la crescita, ha inizio l’integrazione.

La consapevolezza di per sé può essere curativa.

Essere consapevoli determina il naturale processo dell’autoregolazione dell’organismo.
Si può lasciare che l’organismo prenda in mano la situazione senza interferire,
senza interrompere: della saggezza dell’organismo ci si può fidare.

Friedrich Salomon Perls

I miei articoli

Blog

Cosa resterà della pandemia?

Le misure di prevenzione associate alla richiesta di isolamento e, ancor di più alla quarantena, rimescolano e mettono in gioco le nostre abitudini. Ci si chiede, in onor della vita, …

Storie di carta e colori

La vita è fatta da una serie di episodi emotivamente connotati. L’episodio è un momento drammatico, dove per dramma si intende, nella sua etimologia greca, “azione”,  un momento del quale …